Giugno 2011 - Periferia

Periferia

Chi avrà messo un campo da calcio quassù? E' stata la domanda che mi è venuta subito in mente guardando la porta. Chissà.. forse non lo scoprirò mai.
Ci troviamo sul Pian Grande di Castelluccio di Norcia, nel versante umbro del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Questo è uno degli altopiani più grandi d'Italia: la sua estensione infatti è di circa 15 Km quadrati ed è situato ad una quota di circa 1.300 m slm.
Studiando la tipologia dei sedimenti presenti si è scoperto che in epoca remota in quest'area era presente un vasto lago, la cui massima espansione si ebbe al termine dell'ultima glaciazione (10.000 a.C.) e sul cui svuotamento potrebbe aver inciso il riattivarsi di faglie in occasione dei tanti eventi sismici che hanno interessato l'area. Alcuni studiosi hanno addirittura ipotizzato che il lago fosse presente nel 1600, per alcuni manoscritti dell'epoca che lo attesterebbe, ma ciò è stato smentito dalla storia. Si è pensato, infatti, che a causa di forti piogge, i Piani hanno temporaneamente assunto l'aspetto di un lago, come avvenne anche nel 1924.
Ciò che, invece, è stato comprovato è che in epoca più recente, il Pian Grande, come anche gli altri Piani e le montagne intorno, era completamente ricoperto da foreste. L'ultimo resto di questa foresta sono i 100 ettari della Macchia Cavaliera, una delle faggete più belle dei Sibillini, che dalla cresta scende sul Pian Piccolo. Addirittura, in epoche ancora più remote (sempre dopo il prosciugamento del lago) sembra che ci fossero boschi da climi freddi, più precisamente di abeti, come dimostrato dai residui di polline fossile trovato nel deposito lacustre del Pian Piccolo.
Oggi i Piani sono famosi per la coltivazione della lenticchia e per la festa della fioritura, che ogni hanno richiama persone da tutto il mondo. Di solito a fine Giugno (il periodo può variare in base alla piovosità annuale) i Piani sono disseminati dai più svariati colori. Dal giallo dei fiori della lenticchia al rosso, viola-azzurro, bianco della fioritura spontanea. Vi consiglio di fare una ricerca per immagini su internet scrivendo "fioritura Castelluccio" e ve ne renderete conto! (clicca qui).

Fonti: "Parco Nazionale dei Monti Sibillini: le più belle escursioni"; Alberico Alesi e Maurizio Calibani; Società Editrice Ricerche; 2004.

Share/Bookmark

Posted by Nicola Pezzotta | a martedì, luglio 12, 2011 | 2 commenti