Novembre 2011 - Il Silenzio degli Eroi

Il Silenzio degli Eroi. [Cimitero Americano di Impruneta, Firenze]


"Death was everywhere, in the air                                            
And in the sounds coming off the mounds of Bolton's Ridge
Death's anchorage
When you rolled a smoke or told a joke
It was in the laughter and drinking water
It approached the beach as strings of cutters
Dropped into the sea and lay around us


Death was in the ancient fortress
Shelled by a million bullets
From gunners, waiting in the copses
With hearts that threatened to pop their boxes
As we advanced into the sun
Death was all and everyone
Death was all and everyone


As we, advancing, in the sun
As we, advancing, every man
As we, advancing, in the sun


Death hung in the smoke and clung
To 400 acres of useless beachfront
A bank of red earth, dripping down
Death is now, and now, and now
Death was everywhere, in the air
And in the sounds coming off the mounds of Bolton's Ridge
Death's anchorage


Death was in the staring sun
Fixing it's eyes on everyone
It rattled the bones of the Light Horsemen
Still lying out there in the open


As we, advancing, in the sun
As we, advancing, every man
As we, advancing, in the sun
Sing "Death to all and everyone""


Polly Jean Harvey - All & Everyone (2011)

video


Share/Bookmark

Posted by Nicola Pezzotta | a mercoledì, novembre 30, 2011 | 0 commenti

Ottobre 2011 - La ricchezza di un tempo

La ricchezza di un tempo

Li Pescatù - Valeria Marcucci
poesia dialettale marchigiana (Sant'Elpidio a Mare)

Li pescatù che n' sapìa legghie nè scrie,
sapia tutto e de li véndi e de le traersie.
Quanno tiria lu levande, dicia:
se sse aza quissu, non è ppe' tirà' via,
lo vrutto a-d-è che vasta che se sse moe
va a finì che dura tre, sei, nove;
se ce sse ccoppia lu sciroccu
vene dimà un bellu scroccu;
se ce sse bbina pure lu strasòrdene
rentro lu maru n' ci sta più ordene,
l'acqua scrocchja e fa li mulinelli
'gnà rmette a terra tutti li vattelli;
Però quanno tiria lu maestrale,
non era vellu ma non tando male.
Quanno la sera facia la... marettina,
dicia "Jemo a pescà' dimà'-mmatina".
Quanno 'mmece ce statia la maretta
se spiccia a sarvà pure la varchetta.
A lora jiè piacìa la tramontana,
scopa tutto e aza la sottana.
Pe' carità... la vòra de Trieste
che n' menzo lu mare ruppia le rèste:
non se rcapizzia più mango 'na penna.
Le nasse statia vuttate jò Tenna
tutte quelle ch'era misto là Chienti:
tucchja rportalle loco... n'accidenti!
Lu maru a-d-era cunfiu, scuru e grossu
e rrija sopre e sotta lu fossu.
Allora 'gni persò' fugata curria
perché lu portu tuttu se 'llaghja
e la terra co' la vreccia se 'nzuppìa
Quanno l'acqua man mana se sciucchja,
li pescatù dicìa: "L'acqua d-è passata...
armeno ci sta 'sta vella sciacquata!"


Fonti: Porto Sant'Elpidio, da borgo di pescatori a centro industriale: appunti e immagini per una storia; Isabella Bianchini, Marco Cromeni, Alessandro Marcianesi; Andrea Livi Editore, Ottobre 2010.

Share/Bookmark

Posted by Nicola Pezzotta | a sabato, novembre 26, 2011 | 0 commenti

Settembre 2011 - Out!

Out!
"Forse sto tenendo gli occhi chiusi" pensi dentro di te mentre cerchi di guardarti attorno. Invece hai gli occhi ben aperti e non riesci, comunque, a vedere nulla. Il niente più assoluto. Buio. Avete mai visto davvero il buio? Sembra di toccarlo per quant'è denso. Lo senti attorno a te pesante, opprimente. Poi, dopo un po', inizi ad avere sensazioni strane. Ti sembra di sentire dei rumori, di avvertire la presenza di qualcuno li accanto a te. Ricordi di avere una torcia con te da qualche parte. La cerchi per un tempo che sembra interminabile, ma alla fine la trovi. Dopo averla accesa è cambiato ben poco. Quella torcia che a casa tua, di notte, sembrava illuminare a giorno l'ambiente circostante qui dentro ti fa vedere giusto dove metterai il piede al tuo prossimo passo. "Quando mancherà ancora per l'uscita?" dici dentro di te. "E' qui dietro alla curva" ti rassicuri. Ogni tanto senti svolazzare sopra di te qualche pipistrello svegliato dal rumore che fai. Poi... ecco il momento che aspettavi! Tutto inizia a assumere dei contorni prima sfocati, poi sempre più nitidi. Fino a che vedi l'uscita, lì davanti a te. Dietro alla curva. Ancora una manciata di passi e sei fuori! 

Nella foto: Tunnel a spirale della ferrovia dimenticata "Spoleto - Norcia".

Share/Bookmark

Posted by Nicola Pezzotta | a giovedì, novembre 17, 2011 | 0 commenti