Luglio 2012 - Paesaggio in pericolo

Paesaggio in pericolo || (c) Nicola Pezzotta

Un giorno, forse neanche molto lontano, questo panorama potremmo non vederlo più. In pericolo non è solo la Torre Matteucci alle Paludi (leggi il post dedicato qui: Torre Matteucci alle Paludi, una torre da salvare) che si vede sullo sfondo, ma la stessa collina su cui sorge.

Questa collina, una delle ultime prima del mare, crea quel paesaggio tipico di queste zone e delle Marche stesse. Colline che degradano dolcemente, arrivando quasi a ridosso del mare, in alcuni casi.

Questa collina, oggi termine ultimo della Contrada Bore di Tenna, è stata utilizzata per secoli come punto di avvistamento attraverso la Torre stessa costruita nel suo punto più alto.

Questa collina, che sovrasta la zona di San Marco alle Paludi, è stata sempre in stretto rapporto con gli avvenimenti che accadevano nella vicina Chiesa e antica Abbazia di San Marco alle Paludi.

Questa collina, per alcune scelte non condivisibili delle amministrazioni locali, potrebbe scomparire, essere deturpata in modo irreversibile dalla costruzione di un mega impianto sportivo per la corsa delle moto. Si dice che tale impianto, una volta realizzato, sarà più grande di quello di Misano Adriatico, dove si svolgono gare internazionali. Ma si dice anche che la sua realizzazione sia un pretesto per rendere quella zona, ancora aperta campagna, in qualche modo edificabile.
Ora l’iter burocratico sembra bloccato, e l’amministrazione provinciale attuale sembra essere contraria, ma il progetto c’è. Il dibattito è aperto da anni oramai, e ogni tanto si riaccende. Si sono spese molte parole al riguardo. So che è un piccolissimo contributo, ma ho voluto anche aggiungere questa zona ne “I luoghi del cuore” del FAI. Se ci tenete anche voi a questo posto segnalatelo su questo link: I luoghi del cuore - Torre Matteucci alle Paludi. In entrambi i link che vi ho segnalato potete vedere un video della rubrica "Salva Marche" girato dal TG3 Regionale, che parla proprio di questa collina a rischio.

Sperando che le cose rimangano così in sospeso, come sono adesso, teniamo sempre gli occhi aperti!

Share/Bookmark

Posted by Nicola Pezzotta | a martedì, settembre 11, 2012

0 commenti:

Posta un commento